QUANNO L’AVELLINESE FUORI SEDE TORNA A CASA

O’ sapimmo, è sempe brutto quanno ce ne ammo ra città nosta e saglimmo ‘o
nord o girammo l’Europa o ati continenti. L’avellinese che se ne va ngoppa, o
fore, è na specie ‘e studente universitario che, ancora vaglione, decide e si
trasferì a n’ata parte per cercà e avè n’istruzione no poco meglio o na fatica
bona. Si trova accossì miezzo a na realtà nova, chiena (come a’pizza) i’libri,
esami, bollette e tante ate cose e tene come unica difesa a’valigia co e’scorte di
mammà. A tutto questo c’aviti aggiunge i pregiudizi che l’ati tenino ngoppa a
nui.

Quanno l’avellinese tene no poco e’ tiempo, o capita no ponte o na festività,
prenota o biglietto tanto tiempo prima perché non vole spenne assai e abbìa a si
fa na specie e via crucis co i posti dove adda ì. Vi racconto l’esperienza mia. A
prima cosa che faccio quanno torno a’vellino, si arrivo e’pomeriggio o a’sera,
vaco addò Palmiro e’l’Erre Club, addo stà o’palazzotto, a mangià na bella pizza
come San Mostino comanna; fore non sanno manco o’che è na pizza bona. Si
invece arrivo a’ matina, pecchè piglio l’aereo, vaco addò De Pascale a fa
colazione; essì perché l’avellinese è tradizionalista e ci tene e’cose ra terra soa,
pure se a stessa terra soa l’ha miso in condizione e sene ì.

Aroppo che ti sienti soddisfatto, ti vai a fa no giro po’ corso e abbii a contà e
vetrine pe verè si i negozi ci stanno tutti quanti o caccheruno ha chiuso. Ma a’
cosa che cchiù ti manca quanno fai sta perlustrazione è che o’ Fraps ancora non
ha riaperto e chi o’sape che riapre n’ata vota!!

I miss you a little

Quanno è ora e’pranzo vai addà nonna pecchè t’ha preparato i fusilli co’sugo, a
parmigiana e a’carne e t’ha pigliato o’ pane ri Picarielli come piace a te.
Inizialmente ti spavienti pecchè piensi ‘e come faccio a mangìà tutte ste cose?’
ma po’ ti vene mente che a’nonna sape fa’ o’nocillo e quindi stai tranquillo.

Roppo tre ore a tavola si so’fatte e 6 ro pomeriggio e che fai non t’ho pigli
n’aperitivo? Vabbuò iammo a’ Bottega però non facimmo tardi pecchè a’sera
aggia scenne.

Capita sempe che l’avellinese prima e’scenne ha visto ‘o calendario r’Avellino
calcio e ra’ Scandone. Almeno na partita quest’anno s’adda verè ma non tanto
pa’ partita ma pecchè adda ì addò Suzzuso a mangià ‘a pizza.
Quanno abbii a capì che ‘o tiempo è finito e te na’saglie n’ata vota, a tristezza ti
piglia l’anema e mentre stai aspettanno ‘o pullman a Piazza Macello, piensi:
cagnerà mai caccosa into ‘a sta città? E chi ‘o sape…

(Dedicato a tutti coloro che per vari motivi sono lontano dalla nostra terra, Alessandro Patanè)

QUANNO L’AVELLINESE FUORI SEDE TORNA A CASA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shopping Cart
Torna su